Le Altopiano dell'Aubrac, un massiccio di media montagna all'incrocio tra Aveyron, Cantal e Lozère, ti aspetta per un'esperienza esotica e unica. Scopri le sue vaste distese desertiche che caratterizzano un volto diverso ogni stagione. Alto luogo di allevamento di Mucche Aubrac, è anche la culla di Coltelli Laguiole, un villaggio emblematico situato nel cuore del Parco Naturale Regionale dell'Aubrac. Siete pronti a scoprire tutti i segreti della nostra regione? Forza, Aubrac ti aspetta!

Una fortezza naturale, un deserto. Il cielo, il minerale, il vegetale, qui tutto riporta all'essenziale.

L'altopiano dell'Aubrac: tra Aveyron, Cantal e Lozère

L'altopiano dell'Aubrac è un altopiano vulcanico de Media Montagna. Sta cavalcando tre dipartimenti : Aveyron, Cantal e Lozère. Coprendo una superficie di 2 km², la sua altitudine varia tra i 500 metri e i 1 metri sul livello del mare. Il suo punto forte è il Segnale di Mailhebiau che culmina a 1469 metri nel comune di Trélans in Lozère. L'area che compone l'Aubrac è delimitata a sud dalla Valle del Lot, ricca di bei borghi medievali, a ovest dalle Gorges de la Truyère delimitate da foreste selvagge e ad est dalla Margeride punteggiata da grandi blocchi di granito. .

Curiosità: la croce dei Tre Vescovi all'incrocio dei dipartimenti di Aveyron, Cantal e Lozère

Tra Aubrac e Laguiole, si può vedere una croce di pietra sul ciglio della strada. Fu eretto nel 1238 dai monaci della domerie di Aubrac, in memoria di un concilio tenutosi nel 590 tra i vescovi delle diocesi di Gévaudan (Lozère), Rouergue (Aveyron) e Auvergne (Cantal). La croce dei Tre Vescovi simboleggia l'appartenenza comune degli abitanti a questa terra unica che è l'Aubrac, qualunque sia il loro dipartimento.

I monti dell'Aubrac: paesaggi unici

Aubrac offre a diversità di paesaggi unico nel suo genere. Sull'altopiano, sarai al centro di ampi spazi, circondato da pascoli dove serpeggiano le acque pure dei torrenti. In primavera, Aubrac è coperto da una moltitudine di fiori multicolori, di cui alcune specie si trovano solo in questa zona. Mentre cammini sull'altopiano, potrai notare i resti del passato vulcanico del massiccio dell'Aubrac passando vicino a organi basaltici o vecchi camini lavici. 

André Meravilles

Tramonto sul set

Ci sono momenti della giornata in cui Aubrac è ancora più magico.

André Meravilles

Aubrac è anche grandi boschi che costeggiano i boraldes, questi ruscelli che sfociano nella valle del Lot e che al loro passaggio formano ripide vallate. Il Gole della Truyère a Ovest offrono un paesaggio totalmente diverso, selvaggio e vertiginoso, dove si specchia il verde degli alberi acqua del lago e fiumi.

Ces paesaggi unici sono un ottimo parco giochi per tutti gli amanti della natura eattività all'aperto. Che sia a piedi, in bici, sull'acqua, in aria o aggrappato a un muro, venite a scoprire l'Aubrac come non l'avete mai visto!

Escursionisti sulla strada per Santiago de Compostela Aubrac
Sig. Hennessy Aveyron Turismo

Aubrac: una via di passaggio da secoli

L'altopiano dell'Aubrac è sempre stato a luogo di vita. È stato occupato dagli uomini fin dal Neolitico. Prima ricoperto di legno, il vassoio è stato gradualmente cancellato per creare pascoli. Era lì'allevamento pecora che era la più presente nel paese, prima di diventarne la culla Mucche Aubrac. Questo terreno agricolo è anche un arteria preso in prestito dagli uomini per secoli. In epoca gallo-romana, una via di comunicazione attraversava l'altopiano fino alla valle del Lot.

Tracce della sua pavimentazione sono ancora visibili su alcuni sentieri delle nostre regioni. Nel Medioevo, questa rotta commerciale veniva percorsa per arrivare a Santiago de Compostela pellegrinaggio. Il difficile clima montano, nonché l'insicurezza dell'attraversamento dell'altopiano, spinsero un nobile fiammingo a creare sull'altopiano un monastero-ospedale per aiutare e guidare i passanti. È qui Cupola dell'Aubrac


Una montagna viva, ricca di eredità

Oggi l'altopiano dell'Aubrac è un paese molto vivace, nonostante la bassa densità di popolazione. Ci sono circa sei abitanti per chilometro quadrato. Aubrac vive soprattutto diagricoltura, sia con l'allevamento di vacche Aubrac da carne che da latte. il turismo svolge anch'esso un ruolo importante nell'economia del territorio, così come ilmestiere con molte aziende che producono Coltelli Laguiole nel villaggio omonimo.

La gastronomia è una delle ricchezze dell'Aubrac. La creazione di Formaggio Laguiole DOP è una delle attività più importanti della regione. Il piatto d'autore è«Aligot, che potrete degustare nei nostri ristoranti o condividere durante i tanti eventi che si svolgono durante tutto l'anno e che mettono in risalto le nostre tradizioni e usanze.

Domande ? Abbiamo sicuramente la risposta!

Dove si trova l'altopiano dell'Aubrac?

L'altopiano dell'Aubrac è una regione montuosa della Francia situata a sud del Massiccio Centrale, a cavallo di tre dipartimenti:Aveyron, Cantal e Lozère.

Quali sono le città dell'Aubrac?

L'altopiano dell'Aubrac, oggi costituito da Parco Naturale Regionale, riunisce 64 comuni. Questi comuni sono per lo più piccoli villaggi. Sulla parte dell'Aveyron, possiamo citare: Laguiole, Saint-Chély-d'Aubrac, Sainte-Geneviève-sur-Argence, Saint-Amans-des-Côts, Mur-de-Barrez. L'area dell'Aubrac è delimitata a sud da villaggi come Entraygues-sur-Truyère e Saint-Geniez-d'Olt (nella valle del Lot); Chaudes-Aigues (Cantal) a nord; Peyre-en-Aubrac e Nasbinals (Lozère) a est.

Come raggiungere l'altopiano dell'Aubrac?

Arrivare sull'altopiano dell'Aubrac va meritato. Laggiù route, l'altopiano è delimitato dall'autostrada A75 che collega Clermont-Ferrand al Mediterraneo. Puoi anche prendere in prestito ilAutostrada senza pedaggio da Tolosa e unire Rodez e l'altopiano dalla D988 a Bozouls poi la D920 a Espalion, poi la D921. 
En treno, la stazione ferroviaria più vicina è Rodez.
Puoi anche prendere il autobus da Rodez per arrivare a Laguiole. Oppure scegli l'aereo. Dagli aeroporti di Clermont-Ferrand, Aurillac, Montpellier o Rodez, sarai a meno di 3 ore dall'altopiano dell'Aubrac.

Qual è il periodo migliore per visitare l'altopiano dell'Aubrac?

Aubrac ha la particolarità di avere a volto diverso in tutte le stagioni. In primavera, il verdeggiante altopiano è costellato di fiori multicolori : ginestra giallo brillante, narciso bianco immacolato, narcisi seghettati e orchidee abbaglianti. L'estate, il Mucche Aubrac sono le stelle del paese. In estate nel pascoli, sono ovunque a casa. In autunno, Aubrac si trasforma. Il alberi si adornano di colori abbaglianti e il vassoio diventa più misterioso. In inverno, il freddo impressionante lo fa sembrare di più sauvage ancora. Il neige può ricoprire i pascoli con il suo manto bianco per diverse settimane. L'altopiano dell'Aubrac è magico in tutte le stagioni.

Cosa fare sull'altopiano dell'Aubrac?

Aubrac offre una moltitudine di idee di attività. Puoi andartene piena natura e pratica il trekking a piedi, in mountain bike, in bicicletta oa cavallo per scoprire i paesaggi unici dell'Aubrac al proprio ritmo. Molti eventi sportivi sono organizzate sul territorio, in modo da coniugare autotrascendenza e festa.
La catena montuosa è anche una regione economicamente e artigianalmente attiva. Sarai in grado visitare alle donne e agli uomini che danno vita alla regione nel botteghe artigiane le luci, posate le luci, caseifici sociali, aziende agricole o dighe idroelettriche.
Aubrac è anche molti tradizioni e costumi, che puoi scoprire partecipando a eventi come la Transumanza e la Davalada delle mucche Aubrac, le Tracce di formaggio Laguiole AOP nei burons o il Manzo Grasso di Pasqua.
Le patrimonio gastronomico è molto ricca anche nella nostra regione. Non puoi apprezzarlo appieno senza assaggiare le nostre specialità locali, come l'iconico aligot, farçous o fouace, preparati dai nostri talentuosi chef.

Questo contenuto ti è stato utile?

Condividi questo contenuto