Come immaginare che un corso d'acqua nato nei Monts de la Margeride in Lozère, possa offrirci gole così grandiose? Serpeggiando tra l'Aubrac ei Monts du Cantal, la Truyère ha scavato gole strette, profonde e boscose negli altipiani granitici. Le gole della Truyère sono molteplici. ripido, offrono tutte le sensazioni della verticalità. aprire, ti offrono panorami sontuosi, per diventare lacs, adatto per il nuoto, la pesca o la navigazione. Selvaggi, sono un paradiso per i rapaci. La Truyère è anche addomesticata dai giganti del cemento: le dighe, la cui epopea industriale e umana della loro costruzione affascina.

Gole o valli aperte: ammirate la tranquillità della Truyère

La Truyère si snoda tra ilAubrac, Cantal e Carladez per terminare il suo corso 170 chilometri dopo la sua nascita, a Entraygues, e unirsi al Lot, di cui è il principale affluente. Osservando il paesaggio dagli altipiani dell'Aubrac, carladez o Viadene, non possiamo indovinare questa incisione nel rilievo. Le gole della Truyère offrono curve generose e punti panoramici grandiosi i cui colori cambiano con le stagioni.

Lo sapevi?

Dopo gli sconvolgimenti geologici dell'era terziaria, la Truyère forma una separazione tra 2 antiche regioni vulcaniche: i Monts du Cantal a nord e i Monts de l'Aubrac a sud.
Per unire questi 2 massicci, gli uomini sono stati tecnicamente astuti e hanno costruito vere e proprie opere d'arte. Non esitate a risalire la Truyère verso nord e scoprire il Viaduc de Garabit, costruito da Gustave Eiffel!

Lago Sarrans

i punti panoramici più belli raggiungibili in auto

A causa del suo rilievo, non ci sono strade lungo le gole, ma solo porzioni che vi si avvicinano. Per scendere sulle rive della Truyère, vedere le immersioni lì, puoi andare al lago Sarrans e alla penisola di Laussac. Nonostante questo, il territorio offre scorci molto belli sulle gole, facilmente accessibili. Cosa fare belle foto. Da nord a sud:

  • Penisola di Laussac (Comune di Thérondels)
  • Belvedere di Rozières (D98 direzione Cantone)
  • Belvedere della diga di Sarrans (D98 superare la diga in direzione di Sainte-Geneviève-sur-Argence)
  • La fine del mondo (D900 verso Mels)
  • Valone (D97)
  • Belvedere di Rouens 
Pierre Soissons

Il villaggio di Valone

Arroccato sulla sua cima rocciosa, domina le gole della Truyère.

Una selezione di escursioni lungo la Truyère
e laghi

Promontorio di Fajol sulla Truyère
André Meravilles

Reputate tortuose e indomabili, le Gorges de la Truyère se lo meritano. L'escursionismo è il modo migliore per immergersi nel paesaggio.

Per un'immersione itinerante di 3 giorni lungo la Truyère: cammina lungo il GR de pays “Lo Camin d'Olt”. Un anello che vi porterà da una sponda all'altra, partendo da Entraygues-sur-Truyère, con il castello di Valon come punto culminante.

Il dislivello delle gole: luogo selvaggio

parco giochi per appassionati di mountain bike

Due bellissimi anelli di 14,6 chilometri e 20,3 chilometri ti delizieranno con sensazioni e paesaggi:

  • Le vette del castello di Valon
  • La penisola di Laussac
MTB Carladez

Sfidare la gravità nelle Gorges de la Truyère: arrampicata e via ferrata

Il carattere segreto e selvaggio delle gole attira gli scalatori. Per questo hanno l'esclusivo incontro con questo sasso molto particolare: il granito delle gole, in lastre lisce oa “dente di cavallo”, che offre grandi appigli! Due siti su ciascun lato delle gole ti offriranno un'immersione nella natura selvaggia al 100%.

Dove la Truyère diventa un lago

A Sarrans, la Truyère, contenuta dall'omonima diga, negli anni '30 ha allagato un'intera valle e ha creato un lago di 1000 ettari che sembrava un fiordo. Un'area ideale per nuotare, oziare e praticare attività nautiche e acquatiche.

Un fiume di energia

L'apparente calma della Truyère è artificiale. Il suo ardore d'altri tempi è stato domato dalla mano dell'uomo. Sei dighe si susseguono lungo le Gole: Grandval, Lanau, Sarrans, Labarthe, Couesque e Cambeyrac.
Le dighe, così come le centrali idroelettriche collegate alle valli della Truyère e del Lot, rappresentano il 10% della potenza della flotta idroelettrica francese. Questa fonte di energia potenziale ha, sin dal 1900, eccitato le menti dei visionari e rappresentato una fonte inimmaginabile di sviluppo per questo angolo di Aveyron ancora molto isolato e ai margini del progresso tecnico e sociale.

Perché le gole della Truyère hanno attirato l'attenzione degli ingegneri?

La natura scoscesa delle gole e soprattutto il ripido dislivello di questo fiume interessarono gli ingegneri fin dal 1907, quando fu depositata una prima richiesta per la costruzione di una diga, per un progetto nel Comune di Brommat. Nel 1910 il Ministero dei Lavori Pubblici rilasciò il tanto atteso permesso. Quest'opera doveva soddisfare il fabbisogno di elettricità degli industriali di una vasta regione che si estendeva fino alle miniere di Decazeville o alle filande di Rodez, molto più a sud nell'Aveyron!
Il Consiglio Generale ha visto in questa nuova risorsa energetica la possibilità di elettrificare la rete ferroviaria dell'Aveyron. A quel tempo, una linea ferroviaria doveva servire Mur-de-Barrez, Sainte-Geneviève e Laguiole.

Oggi, più che un'attività economica, le dighe e il loro funzionamento sono diventate un'identità e un legame tra i territori. Non esitate a visitare spazi all'aperto o siti idroelettrici, per rendersi conto dell'importanza di queste opere sul territorio e del loro funzionamento.

Durante tutto l'anno, la mostra all'aperto di Brommat permette di scoprire questa epopea industriale e umana.

Gole preservate: rifugio della biodiversità!

Il fiume Truyère è classificato come area Natura 2000 e ospita molte specie protette:

  • In acqua : la lontra o pesce sculpino sono indicatori di un sano ecosistema acquatico e, attraverso la loro presenza, permettono la vita di molte altre specie.
  • In aria: gli uccelli sono diventati indiscutibilmente i padroni dell'aria per incredibili balletti aerei durante il giorno. Apri gli occhi, osserverai nel cielo rapaci emblematici delle Gorges de la Truyère : Nibbio reale, Falco pellegrino o anche Aigle Botté! La notte diventa anche il discreto regno dei Chirotteri, più comunemente chiamati Pipistrelli, potresti imbatterti in Pipistrelli a ferro di cavallo o Pipistrelli di Geoffroy e tante altre creature dai nomi così speciali….
  • A terra: con un po' di fortuna e pazienza si possono osservare il discretissimo ermellino il cui mantello cambia durante l'anno o anche rettili degni di un racconto fantastico: il saettone o la lucertola ocellata.

Per sapere tutto sulla biodiversità delle Gorges de la Truyère, la piccola guida” In linea d'aria - Natura 2000 – Gole della Truyère » del Parco Naturale Regionale dell'Aubrac diventerà lo strumento indispensabile per le vostre gite e passeggiate! Richiedila presso i nostri Uffici Informazioni Turistiche.

Questo contenuto ti è stato utile?

Condividi questo contenuto