Testimone della storia dell'altopiano dell'Aubrac

Arroccato a 1 metri di altitudine, nel cuore del Parco naturale regionale dell'Aubrac di cui è la sede, il villaggio di Aubrac è uno dei siti emblematici dell'altopiano. Situato all'incrocio dei dipartimenti di Aveyron, Cantal e Lozère, è un vero testimone della storia economica, umana e agricola del territorio. Il villaggio, ora frequentato dai pellegrini, è un passaggio essenziale del GR65, Cammino di Saint-Jacques-de-Compostelle del Cammino di Puy-en-Velay. In passato è stato un rifugio per le persone di passaggio e per i malati. Il villaggio ti sedurrà per la tranquillità del suo ambiente, nel cuore di paysages mozzafiato, dentro piena natura.

Una sosta nel villaggio di Aubrac

I visitatori in cerca di autenticità e di un cambiamento di scenario, fanno una pausa senza tempo recandosi nel piccolo villaggio di Aubrac situato vicino a Saint-Chély-d'Aubrac. Esplora i resti della vecchia Dômerie e dell'ospedale, visita la sua chiesa e assaggia la gastronomia locale con a aligota in un fuggitivo. Per approfittare dell'immensità della natura che vi circonda, amanti di l'escursionismo può prendere una parte del GR65 sulle orme dei pellegrini del Cammino di Santiago de Compostela. Con questo itinerario di 18 km andata e ritorno, immergiti nell'atmosfera di questo luogo molto speciale, isolato nel cuore delvasti pascoli.

Ancora oggi, il turista meno informato non può rimanere indifferente allo spettacolo improvvisamente sorto, mentre le nuvole e le raffiche di questa fortezza sfilano, piantate sole, come una sfida alla distesa, in uno scenario da apocalisse...

un po' di storia...

La storia dell'Aubrac, ovvero " Viola Bracco che significa "luogo alto", risale al XII secolo e la sua storia è inscindibile dal pellegrinaggio a Santiago de Compostela.
"IN LOCO HORRORIS E VASTAE SOLITUDINIS" : La leggenda racconta che Adalardo, un nobile fiammingo che si recava a Santiago de Compostela, attraversò l'altopiano e fece voto, se fosse uscito dai pericoli dell'Aubrac, di costruire in questi " luoghi di orrori e di vasta solitudine », un domitorio per accogliere i pellegrini. Nel 1120 vi fondò un gruppo di cavalieri per accompagnare e difendere i pellegrini dai briganti. Hanno eretto i primi edifici del monastero-ospedale per servire i poveri.

Monastero dell'Aubrac
Archivi dipartimentali dell'Aveyron


Successivamente, monaci e monache si unirono a loro attorno al Dom (titolo dei priori della comunità che gli succedettero). L'ampiezza dell'ospitalità ha permesso di distribuire fino a 5 pagnotte al giorno e accolgono contemporaneamente 000 persone. I monaci intrapresero il disboscamento e l'impianto dell'allevamento sull'Aubrac. Il notevole sviluppo dell'accoglienza dei pellegrini prima della fine del XII secolo portò alla costruzione di a grande ospizio di accoglienza (navata dell'attuale chiesa). La Dômerie d'Aubrac prosperò fino alla fine del Medioevo. La Rivoluzione suonerà la fine del suo potere e il monastero sarà parzialmente distrutto. Oggi pochi restano le vestigia :

  • la Chiesa della Madonna dei Poveri (XII secolo)
  • La Torre degli Inglesi (XIV secolo)
  • L'Ospedale (XV secolo)

Dalla fine del XIX secolo, il turismo si sviluppò nell'Aubrac per curare l'aria fresca e il siero di latte. Così, i primi vacanzieri dell'Aubrac alloggiavano nei grandi alberghi di Laguiole e dell'Aubrac, e andavano ai burons quando si faceva il formaggio per bere un bicchiere di siero. Questa, chiamata “gaspe” in occitano, aveva proprietà purganti… ideali per trattamenti dimagranti! Il clima montano dell'Aubrac e la sua altitudine tra i 1 ei 000 metri favoriscono anche le cure all'aria aperta.

La torre inglese
Turismo nell'Aubrac

La Torre Inglese

Oggi insolita tappa sulla strada per Conques, questa torre del XIV secolo fu costruita per difendersi dagli inglesi durante la Guerra dei Cent'anni.

la Chiesa di Nostra Signora dei Poveri

La Domerie d'Aubrac
André Meravilles

Costruito alla fondazione del monastero, nel XII secolo, la sua architettura grezza segna il carattere ostile della montagna e risponde ai principi austeri e funzionali dell'architettura dei monaci cistercensi. Ospita la "campana dei perduti" dove si legge "Giubileo per Dio, canta per i chierici, caccia i demoni, ricorda i perduti". Questa campana fungeva da guida sonora per i camminatori che attraversavano l'altopiano in caso di maltempo e li aiutava così a trovare la strada per il villaggio. Questa campana ha conosciuto molte prove, è stata rotta e fusa più volte ed è stata rubata dagli abitanti di Saint-Chély-d'Aubrac, per tornare finalmente ad Aubrac.

la casa di aubrac

Terrazza Casa di Aubrac

Impossibile perdersi la Casa di Aubrac. Vieni a scoprire questo luogo atipico, passeggia negli spazi culturali dedicati al patrimonio e alle mostre. Concediti un brindisi al bar gourmet, scopri i prodotti locali offerti nell'area gastronomia o rilassati e goditi il ​​panorama dalla terrazza. La Casa vi accoglie da aprile a ottobre per farvi scoprire il Il patrimonio dell'Aubrac e gli imperdibili della regione. Poco sotto, scopri le oltre 650 specie vegetali presenti sull'altopiano durante una visita al giardino botanico.

il reale Aubrac, un must

Non puoi perderlo! Dall'aspetto un po' gelido, vicino al villaggio su cui si affaccia, si erge il Royal Aubrac. Ex sanatorio inaugurato nel 1902, la sua vocazione primaria era quella di prendersi cura dei malati e dei tubercolosi, da qui il suo isolamento. Questo luogo ha successivamente ospitato campi estivi alla fine del XX secolo prima di essere abbandonato per diversi decenni. Attualmente è in fase di ristrutturazione per diventare un luogo di accoglienza e dare così nuova vita a questo luogo dalla storia e dall'aspetto così insoliti.

Aubrac Reale

Eventi nell'Aubrac

Transumanza ad Aubrac
Jean-Denis Auguy

A maggio vivi la Festa della Transumanza!
Una tradizione ancestrale, si svolge ogni anno in primavera e corrisponde alla salita delle mandrie verso gli alpeggi, dove le belle mucche Aubrac trascorreranno la stagione prima di ridiscendere a fine ottobre. In questa occasione il borgo si trasforma per accogliere i curiosi che accorrono per assistere a questo imperdibile appuntamento. Venite ad ammirare le mandrie adornate con le loro ghirlande di fiori e addobbi, passeggiate per il mercato del paese e godetevi gli spettacoli in programma.

Questo contenuto ti è stato utile?

Condividi questo contenuto