Situato nel sud del Massiccio Centrale, all'interno del Parco Naturale Regionale dell'Aubrac, il comune diArgences-en-Aubrac offerte paesaggi vari et grandioso. Questo territorio, chiamato anche Alto Rouergue, si estende dai monti dell'Aubrac al Viadène. Deve la sua qualifica "Argence" al fiume L'Argence Vive che dalla sua sorgente a Roc du Cayla (1298 m), si unisce all'Argence Morte sotto il notevole ponte di Orlhaguet prima di formare gole apprezzate dagli appassionati di sport acquatici. Fra paesaggi, patrimonio et sportivo, lasciati trasportare da queste terre piene di sorprese! 

Passo
1 / 9

Tappa 1: Sainte-Geneviève-sur-Argence

Tappa 1: Sainte-Geneviève-sur-Argence

Parcheggiare nel parcheggio di lago di Sainte-Geneviève-sur-Argence e approfitta delle numerose attività offerte dal sito: sport acquatici, giro dello specchio d'acqua a piedi, terreno di gioco per bambini, mini golf, corso di disco golf, linea slanciata, trampolino, Teleferica. Per i più storici tra voi, esplorate il centro del paese: la chiesa e il monumento ai caduti classificato tra i 30 più belli di Francia.

Tappa 2: Lacalm, il tetto dell'Aveyron

Lacalmo

Il piccolo villaggio di Lacalmo si trova a 1 metri sul livello del mare. Questo villaggio è chiamato il tetto dell'Aveyron, perché è uno dei villaggi più alti del dipartimento. Parcheggiare in paese, visitare ilchiesa romana e scoprire Micromuseo Clarion Rolland.

Step 3: Viti, capitale della cornamusa

Le frazione di Viti è classificato tra i “Siti notevoli della Francia e dell'Europa”. Parcheggia davanti alla chiesa del villaggio e goditi il vista situato sul retro dell'edificio. UN vista magnifica sul Gole della Truyère si offre a te. Non lascerai Vines finché non avrai visitato il Casa Cabretta, un museo da non perdere durante il tuo soggiorno ad Argence.

Tappa 4: Cantoin, villaggio di carattere

Villaggio di Canton

Il grazioso villaggio di cantoin è costruito attorno a un bellissimo chiesa gotica. Da lontano, puoi vedere il Monti del Cantal. Prenota la tua visita a ferma con morbido mohair per vedere un allevamento di capre d'angora e capire il percorso dal vello alla lana. 

Tappa 5: Panorama di Rozières

Le panorama di Rozières è sicuramente un posto dove fermarsi. Possiamo vedere il penisola di Laussac che si trova nel mezzo del Truyere e, in lontananza, Monti del Cantal.

Tappa 6: Punto panoramico sulla diga di Sarrans

Lago di Sarrans Aubrac

Le belvedere du Diga di Sarrans permette di scoprire, prendendo una certa altezza, il Diga FES (ottava diga più alta in Francia). Lo spazio è strutturato con pannelli informativi che spiegano il suo funzionamento, la sua storia e il suo ambiente. Per arrivarci niente di più semplice: proprio di fronte è installato un parcheggio con pochi posti e tavoli da picnic vi permetteranno di pranzare o fare uno spuntino vicino al vista.

Tappa 7: Orlhaguet, la Nizza delle montagne

Chiesa di Orlhaguet

Le “Bello dalle montagne” è il soprannome dato al villaggio diOrlhaguet per via del clima particolarmente mite e piacevole che vi regna. Parcheggia in paese e visita ilchiesa fortificata del XIV secolo, scopri il ponte Vecchio con tre voci (una rarità in Francia), e cercare il 13 croci scolpite quello che ha il villaggio.

Tappa 8: Mels, cappella e belvedere dalla fine del mondo

Per visitare il frazione di Mels, parcheggiare nell'apposito parcheggio all'ingresso del paese. Cammina lungo la bella cappella, quindi vai al vista "la fine del mondo" per scoprire in lontananza il Diga di Labarthe.

Tappa 9: La vertiginosa via ferrata del bosco di Baltuergues

Per i più avventurosi, c'è un via ferrata vertiginoso situato nel legno di baltuergues vicino Sainte-Genevieve-sur-Argence. Per esaminare questi imponenti pareti rocciose, puoi noleggiare la tua attrezzatura o essere accompagnato da una guida abilitata dallo stato.


Parco Naturale Regionale dell'Aubrac
pnr-consapevolezza-poster

Non dimenticare di adottare il giusto comportamento!

Il Parco Naturale Regionale dell'Aubrac è uno dei luoghi ancora preservati dal turismo di massa e dalle sue conseguenze talvolta disastrose. Insieme, continuiamo a preservare questo ambiente naturale e autentico adottando i gesti giusti.

Questo contenuto ti è stato utile?